Torre Branca – ad un passo dal cielo, grazie al cielo

IMG_6246[1]

Grattacieli nuovi, terrazze di storici palazzi, vedute aeree dai dehor di stellati locali milanesi offrono tutti visuali splendide, più o meno sollevate da terra, della nostra città.

Ma non c’è dubbio che il punto di vista per eccellenza su tutta Milano sia proprio la sommità della Torre Branca all’interno di Parco Sempione. Una terrazza panoramica (vetrata), che offre 360 gradi di skyline praticamente al centro di Milano. Si vede tutto: il parco sottostante, il Castello, l’Arco della Pace, il Duomo, lo stadio, il nuovo profilo di porta nuova, Sant’Ambrogio, city Life e la torre Isozaky, i palzzi della nuova area Portello, la montagnetta di San Siro e la chiesa Rossa di viale Argonne, e, nelle giornate di cielo limpido, giù fino alle campagne della bassa milanese e su fino alle Alpi.

E pensare che volevano abbatterla. Perchè? Perchè sotto progetto di Gio Ponti venne eretta nel ’33 in occasione della V Triennale di Milano con il nome di Torre Littoria assumendo diversi ruoli: radar, torre di controllo durante la seconda guerra mondiale, trasmettitore della EIAR…tutte attività troppo legate ad un periodo che Milano avrebbe preferito dimenticare.

Ma la torre del parco è rimasta lì per decenni inutilizzata. Nel 2002 torna a rivivere ospitando sulla sua sommità un ristorante panoramico proprio grazie alla famiglia Branca che le ha conferito anche il nuovo nome. Oggi il locale affidato a privati (un rinomato marchio di moda) si trova ai piedi della torre, che mantenendo la sua funzione turistica panoramica gioca al cambio di colori notturno, sfidando la neo-illuminata Torre della Rai del vicino Corso Sempione.

Saliteci quando potete. Vi sentirete ad un passo dal cielo. Perchè grazie al cielo, la Torre Branca è ancora lì.

Nel parco è stato inoltre da poco ricostruito il Teatro Continuo di Burri.

Ma questo è un altro post…